CREDERCI E COMBATTERE, PAROLA DI DJ WHITE

Quattro partite alla fine della stagione regolare. A presentare la più imminente della Fiat Torino, domani sera al PalaBigi di Reggio Emilia, è il cocapitano DJ White, rientrato in squadra da tre match dopo una lunga sosta per infortunio. In prima battuta, come sta?: “Sto bene – esordisce il centro titolare del quintetto torinese – anche se è stato difficile il rientro dopo un mese di stop. So bene che il mio rendimento offerto nelle ultime partite non è paragonabile a quello preinfortunio, ma sento di essere tornato in forma e sono pronto a dimostrarlo proprio a partire da domani”. Facciamo un bilancio a questo punto della stagione, in chiave personale e di squadra: “Sotto il primo aspetto è buono, fermo restando quanto affermato in precedenza. Stesso discorso in chiave di squadra. Abbiamo fatto un salto di qualità rispetto alla scorsa stagione anche se il nostro andamento è stato “up and down”, con alcune ingenuità che purtroppo ci sono costate care in termini di punti. Innegabile che gli infortuni cui siamo incappati, a partire dal mio, abbiano condizionato i nostri risultati e nella fase più importante della stagione”.
Guardiamo a Reggio Emilia, prossima avversaria: “E’ una formazione forte, solida in ogni aspetto del gioco. Non sarà facile domani sera, in un palazzetto notoriamente piccolo e caldo. Abbiamo l’obbligo e la voglia di provarci, ben consapevoli dell’importanza della posta in palio, soprattutto per noi. Ci siamo allenati bene in settimana e siamo pronti”. Quali giocatori rivali considera maggiormente pericolosi?: “Non temiamo nessuno ma rispettiamo tutti. Aradori, Della Valle, Jawad Williams e Cervi sono a mio parere gli elementi più temibili. Un complesso molto cambiato se paragonato a quello affrontato nel girone d’andata”. Cosa dovrà fare la Fiat Torino per contrastarli?: “Giocare d’insieme, come abbiamo saputo fare nei momenti migliori, in modo energico e contemporaneamente con grande tranquillità. Naturalmente seguendo il “game plan” predisposto”. Cosa si sente di dire nella veste di cocapitano ai compagni di squadra?: “Finchè non lo dirà la matematica il sogno playoff della Fiat Torino continua. Scendiamo in campo convinti di poterlo realizzare, partita dopo partita. Dobbiamo farlo credendoci e combattendo fino all’ultimo respiro, iniziando proprio dal match contro la Grissin Bon Reggio Emilia”.


Ufficio Stampa Auxilium Fiat Torino: Roberto Bertellino – Benedetta Abbruzzese