SERIE C GOLD: UN GRAN SECONDO TEMPO NON BASTA CONTRO UNA CROCETTA COSÌ

Per tutto il primo tempo l’Aux CUS fa da spettatrice. Terzo quarto superaltivo dei gialloblu, ma dall’altra parte c’è Franz Conti.
Per tutto il primo tempo l’Auxilium CUS guarda la capolista Crocetta scaricare a terra l’enorme potenziale tecnico e soprattutto fisico senza proporre soluzioni valide per provare a contrastarne il passo. Dopo la pausa la gara però cambia aspetto: i cussini in quintetto giovanissimo e leggero, mostrano il loro lato migliore, fatto di corsa e faccia tosta, la capolista rischia ma si rimette nelle mani esperte di Conti che nel momento di maggiore difficoltà, poco prima della mezzora, estrae dal vasto bagaglio dell’esperienza le due giocate risolutive.
Trascinata da un Russano e Tiberti, l’Auxilium CUS non si arrende ma ha ormai perso la maniglia della partita. A livello statistico la differenza la fanno i punti in area, che fotografano appieno il dominio fisico di una squadra sull’altra: 42 su 71 per la Crocetta, 22 su 59 per i cussini.
La tripla di Russano per il 3-2 iniziale è l’unico vantaggio interno della serata. Senza Riviezzo, out per l’infortunio alla mano rimediato a metà settimana, coach Porcella è costretto ad abbinamento di grande sacrificio sui lunghi e ad un evidente perdita di centimetri nei pressi dell’altra tabella. Da parte sua coach Arioli non ha Giusto né Arese e lancia in quintetto il ’99 Pozzato, che se la cava più che egregiamente.
L’avvio di gara è segnato da giocate di gran qualità da una parte e dall’altra: l’Aux CUS prova a correre, senza grandi risultati, la Crocetta gira invece a ritmi più compassati: 7-7 dopo un’entrata in rovesciata di Campanelli. Al 4’ i gialloblu fanno esordire il 2000 Murri ma il dato di cronaca è un altro: hanno già bruciato i loro 4 falli di squadra. Conti ne approfitta subito per guadagnarsi due liberi, poi è Bergese a firmare il primo vero distacco della partita dopo un rimbalzo offensivo: 9-15. Costretto a girare la largo dalla solidità difensiva dei salesiani, i cussini ci mettono una toppa con altri 3 di Russano, ma patiscono all’inverosimile i tagli dentro degli avversari che fanno da sponda alle bombe del debuttante (si fa per dire) Giordana e di Ceccarelli: 12-21. L’Aux CUS svuota ancora l’area, ennesimo tiro senza risultato e pure senza tentativo di rimbalzo, sul ribaltamento Paschetta, appena entrato, si fa trovare pronto in back door su assist di Pozzetti per il 15-25.
Il vantaggio crocettino tocca le 12 unità dopo un 2 su 2 dalla linea di Gioria: 15-27 al 9’. Per rientrare, nelle battute iniziali del secondo quarto, l’Aux CUS opta per la zona: Ceccarelli la batte dalla linea dei liberi: 17-29.
Dall’altra parte il colorato per i gialloblu continua ad essere off limit e rimbazli tutti preda dei gialloverdi, anche perché i padroni di casa ci provano di rado e senza grande convinzione. Contro la chiamata di 1-3-1, la Crocetta gioca ancora sotto per Paschetta: 2+1, 21-35 al 15’.
La fisicità, verrebbe da dire la prepotenza dei salesiani a rimbalzo difensivo (ben 15 all’intervallo) segna anche la seconda metà del periodo: sul fronte d’attacco i ragazzi di Arioli procurano danni ingenti con i puntuali inserimenti di Bergese e Paschetta. Ad un 2 su 2 a gioco fermo, Bergese ci aggiunge poco dopo il canestro al limite dei 24 secondi che porta le squadre all’intervallo sul 27-46.
Le prime battute della ripresa non sembrano variare più di tanto il copione: contropiede di Pozzato e Crocetta sul +21: 29-50.
A questo punto la Crocetta molla di colpo la presa, l’Aux CUS cresce in maniera vistosa a rimbalzo difensivo e inizia a ribaltare il gioco come sa fare. Russano detta ritmi vertiginosi ed è preciso da oltre l’arco, Chiotti attacca per due volte il ferro: il 7-0 dà animo ai gialloblu, che insistono. Antisportivo su Russano a metà campo: al percorso netto dalla linea, i padroni di casa sommano un tap-in vincente di un superbo Tiberti (alla fine 10+12 rimbalzi): 42-52 al 26’ (il parziale complessivo è di 13-2).
I cussini, in quintetto giovane che più giovane non si può, avrebbero anche l’occasione per accorciare ancora ,ma la sprecano con una banale persa. Le vele però sono spiegate dalla parte giusta, la Crocetta arranca, Catozzi e Tiberti la puniscono: sul 46-52 però Chiotti, l’anima della rimonta gialloblu insieme a Russano e Tiberti, commette il suo quarto fallo ed è richiamato in panca.
L’ultimo minuto e mezzo del periodo è quello decisivo: la Crocetta va da Conti che, con due giocate da fuoriclasse, una dentro l’area e l’altra con un tiretto dall’angolo, la riporta a distanza di sicurezza: 46-58 al 29’.
Russano non ne vuole sapere (49-60), la situazione però è ormai nelle mani degli ospiti, che affondano il colpo da lontano con Ceccarelli. La Crocetta abbassa i ritmi e controlla, Chiotti e Di Matteo fanno fuoco dalla distanza (56-67), Conti però uccide anche l’ultima speranza cussina.

AUXILIUM CUS TORINO DON BOSCO CROCETTA 59-71  Parziali: 17-27, 27-46, 46-58
TORINO: Murri, Chiotti 18, Fantolino 3, Russano 11, Ripepi, Di Matteo 7, Campanelli 8, Stola, Catozzi 2, Tiberti 10. All. Porcella.
CROCETTA: Pozzetti 7, Gioria 13, Bergese 12, Cagnazzo n.e., Ceccarelli 11, Cibrario, Andreutti, Paschetta 5, Conti 18, Bonadio n.e., Pozzato 2, Giordana 3. All. Arioli.

ADDETTO STAMPA SERIE C GOLD & GIOVANILI: Beppe Naimo