Category Archives: Senza categoria

LA REALE MUTUA BASKET TORINO PIAZZA IL COLPO SOTTO CANESTRO: ARRIVA OUSMANE DIOP

La Reale Mutua Basket Torino è lieta di comunicare l’arrivo in prestito dalla Dinamo Banco di Sardegna Sassaridell’ala grande Ousmane Diop. Nato il 19 febbraio 2000 in Senegal, ma di formazione italiana, è alto 204 cm e arriva da una stagione trascorsa in doppio utilizzo tra Sassari e Cagliari.  Ousmane è considerato uno dei migliori prospetti del panorama cestistico italiano, il suo atletismo, la sua versatilità sul campo e l’ottima tecnica fronte e spalle a canestro lo rendono uno dei pezzi forti del roster giallo-blu.

ALESSANDRO CAPPELLETTI E’ IL PRIMO COLPO DELLA REALE MUTUA BASKET TORINO

Reale Mutua Basket Torino comunica di aver raggiunto l’accordo per la stagione 2019/2020 con Alessandro Cappelletti, il playmaker arriva sotto la Mole dopo un anno alla Virtus Bologna. Umbro classe 1995, cresce nel settore giovanile della Mens Sana Siena, con cui nella stagione 2013/14 esordisce nella massima serie. Il biennio successivo lo passa in Piemonte, disputando due campionati importanti con la Paffoni Omegna in Lega 2, conquistando anche la convocazione agli Europei U20.

COACH DEMIS CAVINA E’ IL PRIMO TASSELLO DELLA REALE MUTUA BASKET TORINO

La Reale Mutua Basket Torino è lieta di annunciare di aver affidato la guida tecnica della squadra a coach Demis Cavina, che si lega alla società con un contratto biennale. Emiliano classe 1974, inizia la sua avventura in panchina giovanissimo, salendo alla ribalta nazionale con Castelmaggiore che guida fino alla A2. Seguono le esperienze con Roseto, divenendo allora uno degli allenatori più giovani di sempre in serie A, Latina, Imola, Fabriano, Sassari, Veroli, Scafati, Napoli, Tortona, Imola e nell’ultima stagione Udine.

Più di duemila persone scelgono Basket Torino

Hanno votato più di duemila appassionati di basket torinese e non torinese. Il nome presecelto è stato Basket Torino. Questi i voti dei sondaggi effettuati:

Basket Torino 1087 voti

Real Torino 434 voti

Olympic Torino 389 voti

FERT Torino 267 voti

Lanciato il sondaggio sulla scelta del nome della squadra gialloblu

Come annunciato questa mattina è partito il sondaggio, sia su Facebook che su Instagram, per decidere insieme quale sarà il nome della società che, affiancata al main sponsor Reale Mutua, farà rinascere il basket a Torino. L’interesse è talmente alto da far nascere false iniziative parallele e sondaggi non ufficiali. Solo questi sono i due link ufficiali nei quali votare e i cui voti verranno considerati validi:

Instagram :www.instagram.com/sceglituilnomedellasquadra

Facebook:https://m.facebook.com/Scegli-TU-il-nome-della-squadra-gialloblu-524534424747269/

Le scelte tra cui votare sono:

BASKET TORINO

OLYMPIC TORINO

REAL TORINO

FERT TORINO

I sondaggi verranno riproposti per 48 ore

Scegli tu il nome della squadra gialloblù.

Il progetto di rinascita del basket a Torino, presentato nella sede di Reale Mutua il 31 maggio scorso, partirà con la scelta del nome della società che trasferirà il titolo di Legadue da Cagliari. Il primo passo sarà condividere la scelta con tutti i tifosi e gli appassionati gialloblù. Dalle ore 9.00 di lunedì 17 giugno sarà infatti possibile decidere il nuovo nome su Facebook, un sondaggio con tre opzioni sarà pubblicato sulla pagina “ Scegli TU il nome della squadra gialloblù”. Per 48 ore sarà possibile votare. Il nome più votato sarà quello del nuovo sodalizio torinese.

Renato Nicolai

Il nostro punto di vista

Auxilium Torino… partiamo dal piacere di poter scrivere e commentare di Auxilium Torino…siamo nati nel 2004 cercando di fare qualcosa di più oltre che seguire la nostra passione nei palazzetti… volevamo fare qualcosa per far conoscere la dimenticata AUXILIUM… abbiamo aperto un sito, abbiamo fatto giocare le realtà torinesi insieme contro squadre di A2 o B ecc , poi i video, le foto ecc ecc…adesso lo fanno in tanti , anche con altri mezzi…
Nel Tempo Torino è sparita e rinata ( via Pms) , ha anche vinto un trofeo! ( primo e unico nella massima serie ). Adesso si sta vivendo un momento difficile, forse di ulteriori cambiamenti ma in ogni modo noi saremo sempre qui a sostenere l’Auxilium e chi la porta avanti…Torino adesso è un bene di tutti facciamo un appello e tutte le persone che hanno potere decisionale di mettere da parte ogni acredine e di prendere decisioni equilibrate e mirate ad avere un futuro per l’Auxilium sempre migliore…saremo sempre giudicati per ciò che facciamo, basta poco a dare un calcio al secchio e cancellare le moltissime cose positive fatte negli ultimi anni.
A partire dalla partita di Cremona bisogna ritrovare la serenità in campo, sugli spalti e le idee chiare sul futuro dalla cabina di comando.
FORZA AUXILIUM da sempre e per sempre

Trento

Precedenti storici

L’Auxilium Torino non ha mai affrontato Trento, e prima della “nascita” della Nuova Auxilium, solamente la PMS Torino si è confrontata con Trento; il bilancio totale è di 3 vittorie e 8 sconfitte tutte maturate dalla stagione 2010-11 sino alla stagione 2013-14. Di questi 6 incontri si sono svolti nella stagione regolare (1 V e 5 P) ed altre 5 nelle semifinali play-off della stagione 2013-14 (2 V e 3 P), in cui il maggiore scarto a favore di Torino avvenne il 23/05/2014: Manital Torino-Aquila BK Trento 83-71. La “nuova” Auxilium vanta 6 incontri con 3 sconfitte e 3 vittorie compresa la semifinale di Super Coppa Italiana disputata nel corso di questa stagione con il risultato Fiat Auxilium Torino-Dolomiti Trento 81-72.; Miglior vittoria il 13/03/2017: Auxilium Fiat Auxilium Torino-Dolomiti Trento 76-67, e peggiore sconfitta il 30/12/2017 Dolomiti Trento-Auxilium Fiat Torino 79-67

Gianni Asti

La Torino dei canestri è più povera, se ne andato un assoluto protagonista. Allenatore in Auxilium per 3 volte nei negli anni ( 1976-1977 / 1980-1983 / 1987- 1989 ) in mezzo Cantù, Gorizia e Mestre. Uno dei primi amici dell’Associazione Cuore Gialloblu e con Meo Sacchetti e Dido Guerrieri ha allenato le prime selezioni Cuoregialloblu team al Memorial Albano utili a raggrupare le forze per rilanciare Torino.

SERIE C GOLD: IL CUS TIENE SOLO UN TEMPO

Per venti minuti il CUS riesce ad ovviare, e anche con una razionale gestione delle risorse e delle rotazioni, alla verticalità di Radunic e alla fisicità del collettiva del Borgomanero. Nel secondo tempo però i gialloblu non danno seguito, incocciano in una zona che concede soltanto conclusioni dalla lunga distanza (con percentuali in picchiata), smettono di lavorare sulle linee di rifornimento a Radunic ma, ed è lì che perdono la partita, cedono in tutti, e sono tantissimi, gli uno-contro-uno proposti con insistenza dagli ospiti.