Comunicato Stampa Reale Mutua Basket Torino

Un’ottima Reale Mutua Torino cade a Cantù al termine di una bellissima partita contro la Pallacanestro Cantù. I gialloblù inseguono nel primo tempo, mettendo la testa avanti nella ripresa, limitati dai problemi di falli di entrambi gli americani. Importante prestazione di tutta la squadra, in doppia cifra Landi (14), Davis (13), De Vico  Pagani (10).CRONACA Avvio lento e partita che si sblocca solo 2.30’ con il canestro di Robert Johnson. Torino risponde con Davis, ma sono i padroni di casa a provare il primo allungo, con i canestri di Allen e Bayehe che valgono il 10-4. La reazione della Reale Mutua arriva dalle mani di Landi, che colpisce ripetutamente da dietro l’arco, accorciando le distanze con gli avversi e favorendo poco dopo il pari (14-14) di Toscano. Cantù prova ancora a scappare con Stefanelli e Sergio, ma sul finale di quarto i gialloblù rimangono a contatto grazie ai centri di Pagani e Alibegovic (24-20). Nella seconda frazione i lombardi provano nuovamente la fuga con Sergio, ma Torino è brava a contenere l’esuberanza dei padroni di casa con Zugno e De Vico e ad accorciare a -2 (32-30) quando mancano 5’ alla sirena dell’intervallo lungo. Sul finale del primo tempo Cantù prova ad accelerare e con Johnson, Severini e Allen trova il parziale di 8-0 che spedisce Torino sul -11 (47-36). Coach Casalone si rifugia in time out e all’uscita dalle panchine trova un grandissimo Landi, che va a segno a ripetizione dai 6.75 fissando il risultato del primo tempo sul 49-42. La Reale Mutua riparte forte nella ripresa e con la coppia Scott-Davis trova subito il pari (49-49). Cantù prova a correre ai ripari con Johnson, ma sono ancora Davis e Scott i protagonisti ed il 6-0 di parziale gialloblù vale il +2 per Torino dopo esattamente 25’ di gioco (53-55). Lo svantaggio scuote Cantù che passa al contrattacco e dopo aver trovato il nuovo pari con Johnson, chiude la terza decina avanti di 5 (66-61). Nell’ultimo quarto la Reale Mutua parte a razzo e mette la testa avanti con i canestri di Alibegovic, Toscano e Zugno (66-67). I gialloblù si spingono fino al +4 firmato da Toscano (68-72), ma i padroni di casa non ci stanno e con il parziale personale di Allen ribaltano il punteggio portandosi sul +4 (78-74) a 2’ dalla fine della partita. Sul finale Cantù allunga con Johnson fino al +6, ma Torino non si perde d’animo e rilancia dall’arco con Davis dimezzando lo svantaggio (80-77). Sul ribaltamento di fronte con meno di 20’’ da giocare Cantù trova il canestro da tre di Allen che chiude il match. Finale 83-78.

S.Bernardo Cinelandia Park Cantù-Reale Mutua Basket Torino 83-78 (24-20, 25-22; 17-19, 17-17)
Cantù: Allen 22, Da Ros 2, Bayehe 6, Johnson 18, Sergio 13, Cusin 4, Nikolic, Severini 3, Brambilla NE, Stefanelli 15, Bucarelli, Borsanı NE. All. Sodini

Torino: Alibegovic 9, Zugno 6, Landi 14, Scott 9, De Vico 10, Toscano 7, Pirani NE, Pagani 10, Davis 13, Oboe. All. Casalone, ass. Iacozza

Le dichiarazioni di coach Casalone al termine della partita tra Reale Mutua Basket Torino e Pallacanestro Cantù.

“Innanzi tutto voglio fare i complimenti a Cantù, secondo me la partita espressa in campo oggi è stata bellissima e divertentissima. Credo che la sfida di oggi abbia dimostrato che Cantù e Torino giocano un’ottima pallacanestro offensiva e difensiva, quindi grande merito a Cantù per aver vinto la partita, ma anche ai miei giocatori per aver giocato un match intenso e difficile. Si sono meritati gli applausi uscendo dal campo, hanno giocato contro una squadra che ha taglia e talento, esprimendo un’ottima pallacanestro. Al di là dei punti fatti, guardando le statistiche, con la valutazione possiamo farci un’idea di come le squadre giocano in mezzo al campo: a volte si perde di due punti e la valutazione è completamente differente tra le due squadre, perché una squadra ha giocato bene e l’altra è rimasta attaccata con dei tiri che non centrano niente. Invece il fatto di avere la valutazione praticamente pari, su un risultato che è praticamente pari, vuol dire che le due squadre hanno giocato una grande pallacanestro. Il fatto di aver giocato questo tipo di partita ci rende molto orgogliosi, possiamo tornare a Torino assolutamente contenti della partita fatta. È ovvio che avendo perso la partita abbiamo fatto più errori rispetto a Cantù, sicuramente ci lavoreremo su. Abbiamo dimostrato ancora una volta che possiamo giocare dentro l’area – dove abbiamo fatto più punti –  stavamo controllando anche i rimbalzi, Cantù ha trovato un’ottima partita al tiro da tre punti e credo che questo conti, soprattutto quando nel finale di partita avevamo l’inerzia dalla nostra parte e loro sono stati bravi a fare due canestri importantissimi. Rinnovo i complimenti ai miei ragazzi, torniamo a casa ancora più convinti di poter fare molto bene in questo campionato”.